21 dicembre 2011

E anche quest'anno...


...era inevitabile. Voluto o non voluto, amato o non amato, Natale sta arrivando. 
E con esso il rituale delle corse al regalo, gli "allenamenti" per allargare lo stomaco in vista dei pranzi/cenoni (eh sì, servono per non stramazzare :P), il gioco del "dove-ti-nascondo-il-regalo-prima-di-poterlo-impacchettare" e i primi regalini mangerecci che non ho potuto non scartare...ma di questi vi parlerò a gennaio :P


Un altro anno che passa e io mi sento già nostalgica...
Quindi voglio ringraziare tutti voi che mi avete tenuto compagnia in questo 2011: grazie per aver "sfogliato" le mie pagine, per aver lasciato un commento, per aver provato le mie ricette; grazie per i premi che mi avete lasciato, per le belle parole, per avermi stimolato con scambi di idee e ricette o semplicemente per esservi fermati a leggere :)

Vi lascio la mia ultima ricetta dell'anno e, perchè no, un'idea carina per decorare la tavola delle feste. Questi cupcake sono infatti deliziosi come segna posto, non trovate? :)



CUPCAKE PANETTONE

Ingredienti per 8 cupcake con il pirottino bianco come da foto, 12 per un pirottino classico.

115g farina 00
115g zucchero
90g burro morbido a tocchetti
2 uova a temperatura ambiente
100g uvette
140g arancio candito
due cucchiai di brandy
una stecca di vaniglia
un cucchiaino di lievito
latte per spennellare

Per la glassa:
100g di meringhe polverizzate
acqua qb

- Mettere le uvette a bagno in acqua e brandy per almeno 10 minuti.
- Tritare metà dei canditi fino a ridurli in pasta.
- Setacciare farina, zucchero, e lievito insieme, aggiungere il burro e poi le uova una alla volta mescolando per far assorbire uniformemente.
- Aggiungere alla fine i canditi tritati e in pezzi, le uvette asciugate e passate nella farina, la vaniglia e mescolare ancora fino ad avere un impasto soffice e bello liscio.
- Versare nei pirottini e infornare a 180°C per 15 minuti circa. Sfornare, spennellare i cupcake con il latte e rimettere in forno per qualche minuto o fino a completa cottura. In caso di cupcake più piccoli di quelli nella foto, ridurre il primo tempo di cottura.
- Glassare una volta freddi, con polvere di meringa e acqua quanto basta.



Ci leggiamo a gennaio!


19 dicembre 2011

Sweet Christmas


Due settimane fa ho partecipato al corso della mia Gaietta. Il tema era "Sweet Christmas" e quindi potrete ben immaginare quali profumi aleggiavano nella cucina.
Ci siamo saturate di burro, di glassa e soprattutto di tanta, tantissima calda cannella. 
Gaia ci ha accolte coccolandoci subito con dei vassoietti di dolci preparati con le sue mai, tra cui quei crumb bars che vedede nella foto qui sopra: un trionfo di burro, frutta secca e cocco che ha conquistato tutte, dal primo all'ultimo morso! A proposito, sono appena stati pubblicati sul suo blog...io non esiterei a provarle :P


Gaia è bravissima e super professionale, una vera ganza insomma :D
Ma allora, volete vedere alcune delle cosette che abbiamo preparato?
Questi sono stati in assoluto i miei preferiti, muffin extrafondenti con datteri e glassa...un tripudio di cioccolato che una come me non poteva non amare! :D



Qui sopra le mince pies, dritto dritto dalla tradizione natalizia inglese. Farcite di un ripieno di frutta secca e burro e avvolte in coppette di frolla, calde sono assolutamente divine!



Ovviamente non poteva mancare l'esercito di gingerbread cookies... :D guardate qui sotto la mia sorellina che decora l'albero!


Sempre in tema inglese, la fruit cake, anch'essa ricca di frutta secca e spezie, in una particolare variazione profumatissima allo zafferano. Provatela, non vi deluderà!

E poi gli speculoos...la torta di zucca e nocciole...insomma: chi viene alla prossima? :)



14 dicembre 2011

Voce del verbo: strudelare

Al giorno d'oggi siamo soggiogati da un crescente fenomeno di "deitalianizzazione" della lingua. 
Ma che succede? I compratori sono diventati buyers, Fido è ufficialmente un pet e il nostro telefonino è un device che gira con apps in download sugli stores.
E ora non puoi avere un matrimonio figo senza la wedding cake del caso, perchè ormai la torta nuziale non va più di moda.
Ahimè non posso certo proclamarmi giudice innocente perchè proprio ci casco anche io in pieno con entrambi i piedi e pure fino ai gomiti, a partire dal titolo del mio blog (ma qui mi concedo la licenza poetica del gioco di parole :). Chi però ha mai resistito al fascino del click?
Nessuno credo. 
Ebbene facciamoci un favore: la lingua italiana è bella, è ricca, antica e inimmaginabilmente complessa nella sua storia, nel suo passato multiculturale. Non castighiamola inutilmente.
Parliamo di cibo invece che di food, chiamamo antipasti questi strausati appetizers, che la cake torni ad essere torta e, per carità, usiamo il telefonino come un telefonino. Al diavolo il mobile.


STRUDEL INTEGRALE ALLA NOCCIOLA E MIRTILLI
Questo strudel è nato per una mia fissazione: non mi piaciono lo strudel troppo "sfogliato" nè quello troppo "frolloso". Come rimediare? Ho cercato e ricercato tra i miei non pochi libri di cucina e - accidentaccio! - non avevo neanche una mezza ricetta in croce per uno strudel! 
In medio stat virtus, dicevano i romani; quindi ho sfogliato la frolla. O frollato la sfoglia. Voi che ne dite? ;)

Ingredienti

Per la sfoglia:
un disco di pasta sfoglia
100g di farina integrale
100g di farina 0
100g  di zucchero
100g di burro
1 uovo a temp ambiente
80g di nocciole tritate non troppo fini
essenza naturale di vaniglia

Per il ripieno:
500g di mirtilli freschi
100g di zucchero
1 cucchiaio di amido di mais
il succo di mezzo limone
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere

- Preparare la frolla facendo sabbiare nelle farine il burro. Aggiungere poi lo zucchero, la vaniglia, le nocciole e l'uovo, facendo assorbire bene gli ingredienti ma senza lavorare troppo la frolla. Coprire e mettere in frigo per circa 1 ora.
- Lavare i mirtilli delicatamente e asciugarli. Setaccianre in un recipiente lo zucchero, l'amido e le spezie. Unire i mirtilli e il succo di limone, mescolare bene e far riposare.
- Stendere la frolla della dimensione della sfoglia e sovrapporre i due dischi, mantenendo la sfoglia sotto la frolla. Piegare la sfoglia a 3 e stenderla con il mattarello a formare un lungo rettangolo, poi girarla di 90°, ripiegarla e ristenderla. Frolla e sfoglia non si devono completamente amalgamare.
- Distribuire il ripieno nel centro e chiudere lo strudel avendo cura di chiudere bene i lati per non far fuoriuscire i mirtilli.
- Cuocere a 190° per circa 45 minuti. Poco prima di sfornare, cospargere di zucchero semolato e far leggermente caramellare.


Related Posts with Thumbnails